Simona Snider nasce a Bergamo il 5/04/1976, e si diploma presso il Liceo Artistico Giacomo e Pio Manzù di Bergamo.
L’approccio con la pittura, ha le sue origini nell’adolescenza, tramite lo zio acquisito Lorenzo Zambelli, pittore bergamasco, definito “maestro dei cieli”, che successivamente le insegna a bottega l’arte della luce nei cieli e nel paesaggio figurativo.
Questo fu un passaggio importante al fine dell’ispirazione poetica emotiva nelle opere di natura figurativa, dove man mano le macchie di luce e ombre creavano la visione delle forme, con tratti non definiti e con un’idea simbolica delle forme che via via prendevano corpo.
Successivamente Simona Snider frequentò la bottega del maestro Giovanni Franchi in Franciacorta, dove affinò le varie tecniche di disegno e di pittura più improntate al realismo.
Queste due esperienze hanno spinto l’artista ad andare oltre per aggiungere una sempre maggiore conoscenza dell’armonia cromatica approfondendo le teorie chiave dei grandi teorici quali Newton, Chevreul, Itten che l’hanno portata ad approfondire maggiormente alcuni pittori più attenti all’uso del colore tra cui uno in particolare E. Hopper. Un artista che è riuscito con pochi colori giustapposti e con schemi cromatici puntuali, a dare la corretta rifrazione della luce sulla materia. Da questi studi sono nate le sue opere che rappresentano dei nastri : “Cromie in Movimento “
Ecco le parole dell’artista:
“La mia maestra è la natura, attraverso la quale posso osservare come l’armonia cromatica venga rispettata in maniera puntuale.
Mi permette di analizzare i colori nel profondo, le assonanze, le complementarietà impercettibili che vibrano e che ci offre in modo splendido .
Ecco che queste immagini vengono immagazzinate con la loro energia, i loro colori, le loro sensazioni ed emozioni che rivivono dentro di noi. Nasce dentro di me una sintesi di queste immagini. Grazie ad una combinazione di studio dal vero e della teoria dei colori , ho colto da essi solo la parte più essenziale e sentita escludendo il superfluo, rimanendo quindi fedele alla natura per ciò che concerne il colore e l’essenza .
Nascono così i nastri che scorrono attraverso lo spazio, i nastri in movimento su cui è impressa un’emozione un paesaggio, un ricordo , un amico e tutto ciò che ci colpisce nell’anima, perché il dipinto è come se fosse un fotogramma fatto di infiniti fotogrammi che insieme compongono la pellicola della nostra vita . Ecco che i nastri in movimento sono allora memoria e sprigionano l’energia che tutte queste emozioni hanno generato, liberandosi da forme prestabilite e approdando alle cromie in movimento .”

dalla serie Egeo, Serifos 2017

 

La mia arte si propone di mettere l’accento sul passaggio dall’universo fisico a quello mentale e spirituale e sull’elaborazione della percezione dell’universo fisico attraverso una propria sintesi emotiva.
Il passaggio tra i due avviene attraverso una prima fase di osservazione che porta inevitabilmente a una estroversione di attenzione e a una seconda fase legata alla conoscenza della teoria dei colori in relazione alla natura.

La risultante è una “terapia” di riequilibrio interiore che permette di uscire dal quotidiano e di utilizzare le informazioni apprese per migliorare se stessi, il
proprio ambiente, la propria casa o semplicemente di osservare un paesaggio e di analizzare le cromie che cambiano essendo così in simbiosi con esso.

Questo passaggio porta una persona ad immagazzinare queste esperienze includendo al suo interno tutte le percezioni di quel momento che siano piacevoli oppure no . Queste esperienze influiscono su di noi nel corso della nostra vita essendo loro stesse cariche di energia e di percezioni che possono ripresentarsi in momenti da noi non decisi .
Quindi in sintesi una maggiore osservazione e conoscenza della teoria del colore e armonia cromatica portano ad uno stato emotivo migliore e quindi ad una migliore qualità della vita considerato quanto detto prima .
Come se fosse una spirale che invece che andare verso l’ansia, la sofferenza e il dolore inizia a salire verso il bene e la serenità